30/04/14

Il giusto prezzo

Mi ha sempre affascinato, in ogni azienda in cui ho lavorato, il pricing, ovvero il giusto prezzo a cui vendere i propri prodotti. Frutto di formule misteriose, alchimie tattiche, ragionamenti semplici e complicati, comunque la si veda, è una materia per me affascinante.
Ognuno, tra imprenditori, buyer, venditori, clienti ha sempre qualcosa da dire in merito. Per decidere un prezzo, di acquisto o vendita, servono spesso studi di psicologia, oltre che di economia.
La riflessione mi nasce spontanea dopo aver letto il commento di +Enrico Flaccovio e +Leonardo Bellini nelle conversazioni tenute in merito al posizionamento del libro di +Riccardo Scandellari avute nel post precedente.
Il mio dubbio era posto sul prezzo della versione e-book nettamente superiore al 9,99, nella mia testa prezzo standard fissato da Amazon, leader indiscusso dell'edizione digitale di un libro.
La risposta avuta dall'editore che ringrazio per l'attenzione concessami anche sul tema self publishing non mi ha convinto pienamente.
L'affermazione "Il prezzo dell'eBook è commisurato sul prezzo del cartaceo" non è per me soddisfacente.
Premesso che non è assolutamente mia intenzione insegnare qualcosa all'editore che sa sicuramente fare il suo mestiere, vorrei concentrare la vostra attenzione su quante volte ci capita in azienda di fare ragionamenti simili. E' sicuramente noto che il mercato digitale vale ancora nulla rispetto al mercato cartaceo, ma i lettori forti si stanno sicuramente spostando in quella nicchia. Non conosco nessun lettore forte che non abbia almeno un ebook, non conosco un lettore forte che non abbia il suo account con carta di credito fissa su amazon. Siamo sicuri che non facciano il mio stesso ragionamento sul prezzo di 9,99?
Naturalmente qui vince la scelta del posizionamento dell'editore che non vuole piegarsi alle logiche di Amazon, ma il mio è solo un esempio per suggerire come tante volte diamo per scontati alcuni ragionamenti mentre i nostri clienti (in questo caso io) ragionano in modo differente e non ci premiamo anche solo per sottili ragionamenti psicologici.
Sappiano, l'editore e anche l'autore, che la motivazione della scelta della qualità della carta che poi giustifica il prezzo, per me che acquisto solo ebook non è più contemplata.
Quante volte nel pricing teniamo conto di ogni sfumatura? I nostri fogli excel racchiudono tutti i possibili tipi di riflessione?
Ovviamente il pricing di un libro o di un ebook è solo uno dei tanti mercati su cui è possibile ragionare.
Posta un commento