03/08/19

App UnipolSai: la più trendy!


Fa indubbiamente piacere vedere i frutti del proprio lavoro in una classifica!
Grazie anche al lancio del nuovo servizio SMS sulla grandine che ti avvisa di possibili eventi pericolosi per i tuoi beni sul tuo comune di residenza e che ti propone di scaricare l'app per ricevere altri avvisi meteo, anche su altri comuni, l'App UnipolSai è la numero uno tra le tendenze finanziarie.

Quello che davvero mi piacerebbe tutti sapessero è che dietro questo risultato ci sono sforzi di tutti i tipi, frutto della professionalità e della passione di tanti miei colleghi.
Anche negli ultimi giorni, alla vigilia di meritate vacanze per molti, nessuno si è risparmiato.
Durante le riunioni è stato come piace a me, una battaglia senza esclusioni di colpi, ognuno ha potuto esprimere con determinazione il proprio contributo per arrivare poi a un accordo condiviso su un dettaglio relativo a una prossima evolutiva.

Avreste dovuto esserci l'altro giorno in una riunione dalle 11.30 alle 12.30. Sono particolarmente attento al rispetto del tempo altrui e non mi piace mai  trattenere le persone oltre il programmato. A un certo punto, sul finire, la riunione si infiamma su alcune diverse opinioni e con mia grande sorpresa nessuno abbandona il tavolo o mostra insofferenza. A un certo punto decidiamo di rinviare al giorno successivo e alla mia domanda "ma perchè non vi siete alzati prima, lo sapete che i non diretti interessati hanno il diritto di alzare la mano per lasciare il meeting" la risposta "Era troppo bello assistere al match!" mi ha rassicurato.
Alle 9 del mattino il giorno successivo erano tutti nuovamente pronti per il "close" della trattativa su una particolare funzionalità che comporterà, siamo pronti a scommetterci, valore a tutti i livelli, per clienti, colleghi che avranno nuovi spunti e nuovi modi per lavorare e ovviamente Azienda.

Ecco, tutto questo non traspare da una semplice classifica, il mio orgoglio e soddisfazione va soprattutto per queste situazioni, il cercare la battaglia per il miglioramento anche di un singolo cm, ognuno con le proprie convinzioni, ognuno con la propria lettura dei dati, ma tutti volenterosi di trovare un accordo che sia di soddisfazione per tutti.
Imporsi non serve a nulla, comprendere le esigenze di tutti e trovare la miglior soluzione per il cliente è il mantra del nostro gruppo di lavoro e io mi sento fortunato a lavorare in un contesto simile.

#Sempreunpassoavanti 





01/08/19

Employee Experience

Mi sono lasciato ispirare da questo libro per un discorso al team.
Era un discorso a cui tenevo particolarmente perchè rappresentava la sintesi di un periodo.
Nei giorni precedenti ho cercato di attingere a più fonti, ma alcuni spunti di questo libro mi hanno particolarmente colpito.
Concordo con l'autore, Rosario Sica, sul fatto che sempre di più appare evidente come la nuova Customer experience sia determinata dalla employee experience ed è assoluto compito dei responsabili farsene carico. Nelle possibilità di personalizzazione ci sono le vere grandi opportunità di team building. Lo tocco con mano tutti i giorni e a mio avviso rappresenta un potenziale clamorosamente sottostimato.
Anche il capitolo sul learning development è assolutamente da leggere per cogliere spunti per se, ma anche per i propri collaboratori. Se abbiamo davvero a cuore il loro sviluppo dobbiamo assolutamente spingerli nella direzione in cui il personal development rappresenterà una vera e propria ossessione.
Tenevo particolarmente a questo discorso e non potete immaginare quanto è stato gratificante leggere che per qualcuno è stato un momento emozionante.

Leggete questo libro, anche per non aver paura dei robot che arriveranno nei nostri uffici.
Come sempre, potete votare la mia recensione del libro qui

05/07/19

Mission Evolve: che show!


Evento spettacolare oggi a Bologna all'Unipol Arena di Casalecchio!
E' andato in scena la tappa conclusiva della presentazione a tutta la comunità di Unipol del nuovo piano industriale Mission Evolve.
C'era tanta attesa e le aspettative sono state ampiamente superate!
Grazie agli effetti speciali dei tanti colleghi che hanno allestito lo spettacolo è stato un autentico show!

A me è piaciuto TANTISSIMO! Soprattutto per le parole che sono state utilizzate.
Segno anche qui le mie preferite:
- evoluzione
- coinvolgimento
- responsabilità
- leadership
- ascoltare
- passione
- determinazione
- team

"Le persone sono l'asset più importante che abbiamo" la mia frase preferita, cosi come naturalmente ho amato i riferimenti allo sport, alla sana competizione e alla differenza che fa dare tantissimo per ottenere quel piccolo miglioramento.

E' stata assolutamente musica per le mie orecchie e faccio davvero i complimenti a chi ha voluto sul palco l'orchestra pronta a passare in pochi attimi dal jazz al pop, dalla classica al rock.
La figura del direttore d'orchestra è da sempre per me fonte di grande ispirazione.

Assolutamente orgoglioso di far parte di questa comunità, oggi, mentre ero seduto ad ascoltare, riflettevo sulle mie diverse esperienze e mi sono sentito felice di essere al posto giusto per poter offrire il mio piccolo contributo.

Ci si vede sul campo! Mission evolve, vediamo nel 2021 cosa avremo realizzato. Personalmente mi sono creato tante aspettative.

Ps: non trascurate mai di cercare il coinvolgimento delle persone e di stimolare la loro motivazione. Sono sicuro che quei 3 cavalli in più in un motore che già ne eroga 300, si ottengono anche  cosi!




22/06/19

La regola del 9


Si legge tutto d'un fiato ed è bellissimo questo libro di Lorenzo Bernardi, uno della generazione dei Fenomeni di Julio Velasco.
Questo libro fa parte della collana Assist di Demetrio Albertini con cui concordo nell'affermare che "... lo sport ti aiuta ad avere il coraggio di affrontare ogni giorno un cambiamento".
Mi piace leggere questi libri che ti permettono di studiare uno degli argomenti che più mi affascina: la motivazione.
Emozionante è rivivere tutte le gesta sportive di questo atleta che "non si arrende finchè non vince", che considera impegno e fatica l'ingrediente antico con cui si può costruire.
Ci sono tanti spunti per chi è interessato a costruire squadre vere, nello sport come nel lavoro, come "la situazione di disagio di uno diventa il disagio di tutti, è importante rassicurarsi a vicenda", come "Mi sento investito della responsabilità di essere un esempio", come "la regola che imparo subito è che proprio il campo ti  restituisce quello che gli dai.", come "l'unico modo che esiste per superare i miei limiti è puntare all'eccellenza".
Insomma è un libro che consiglio a tutti quelli che vorrebbero sentirsi dire da un proprio giocatore o collega della propria squadra "Lollo è molto bravo perchè non ci ripete mai la stessa cosa, ci dà sempre una motivazione diversa. E quando finisce di parlare io per lui andrei nel fuoco"

Come sempre potete votare la mia recensione qui

09/06/19

Team building: esperienza incredibile!


I colleghi avevano scelto un posto stupendo come l'Agriturismo Villetta di Monterufoli delle Tenute del Cerro nei pressi di Pisa, avevano organizzato nei minimi dettagli i partecipanti (la mia squadra vuole sempre aggiungere partecipanti nuovi e io sarei in imbarazzo a scegliere chi altri invitare!), il viaggio del venerdi pomeriggio, le auto, i teli in piscina, la cena a base di Chianina annaffiata dal sontuoso Poggio Miniera, la colazione del sabato mattina con passeggiata incantevole nella vallata, ma... dalle 1030 del sabato era previsto il Team Building!
Durante la passeggiata ho riprovato (e cambiato) alcune riflessioni introduttive, "la reason why" la chiamano i dotti.
Quest'anno, inventando una competizione su ruoli aziendali e valori personali ho cercato di riflettere insieme sulla semplicità con cui è possibile offrire e ottenere partecipazione da parte delle persone (leggendo molti articoli uno dei fattori più ricercati dalle aziende).

Quando prepari un evento del genere, una delle cose più difficili è immaginare, immaginare come le persone potranno reagire alle suggestioni proposte.
L'arbitraggio mi ha insegnato a preparare le decisioni, a studiare per essere pronto a qualsiasi circostanza.
E anche questa volta mi sono divertito a cambiare in corsa alcune cose che avevo pensato  in un modo, ma osservando i partecipanti potevano funzionare meglio in un altro.

Al termine di 3 ore e' andata in onda un'autentica magia, inaspettata e davvero emozionante: tutti gli 11 partecipanti erano cosi presi dalla condivisione e dalla partecipazione che cercavano di aiutarsi l'un con l'altro per dare un contributo al miglior risultato di ognuno nella piccola competizione.

Ancora una volta, grazie alla disponibilità delle persone che hanno accettato di fidarsi delle mie fantasie, ho ricevuto immensamente oltre quello che mi sarei aspettato prima di partire.
Le emozioni che ho messo nello zaino saranno il carburante per i prossimi mesi, ma soprattutto ho avuto l'ennesima incredibile conferma che quando dai è certo che riceverai.

In uno dei libri (Employee experience di Rosario Sica) che sto leggendo per trovare ispirazione leggo che un'indagine Deloitte, basata su interviste a 1600 executive C level in 19 paesi sulla quarta rivoluzione industriale, segnala grandi opportunità, ma date le priorità di business, sono assai poco focalizzati sul tema del capitale umano. Questo atteggiamento, alla luce della disruption dei mercati e degli sviluppi della tecnologia, sembra essere davvero poco previdente.

Nel mio piccolo, cerco di essere tra coloro che si dedicano, oltre che alle giuste e normali priorità di business, anche allo sviluppo del capitale umano, anche perchè vincere senza squadre coese, che si mettono in discussione, è pressochè impossibile.

IMMENSAMENTE GRAZIE agli 11 partecipanti del team building di giugno 2019!

#PEOPLE FIRST