03/04/13

Mobile marketing: Riflessioni sul nuovo rapporto tra azienda e consumatore (Sushi)


Ho letto voracemente queste riflessioni di Marco Massarotto, brillante consulente digitale.
Ero alla caccia di spunti, in quanto l'azienda per cui lavoro ha deciso di spingere ulteriormente su alcuni aspetti che contraddistinguono la relazione con il cliente, in particolare nel campo mobile.
Nella recensione che ho pubblicato a caldo su Amazon ho scritto che "...Le organizzazioni di marketing non sono ancora del tutto attrezzate a queste opportunità, Massarotto prova a guidarci in alcune riflessioni che possono aiutarci a intraprendere un percorso "sostenibile" nel mondo mobile, difficile, ma forse anche semplice, al patto di osservare.
Il libro si legge d'un fiato ed è consigliato a chi è impegnato nella costruzione di questi nuovi "mondi" (non media), dove gli oggetti saranno connessi come e più delle persone.
Il libro ha mantenuto le mie aspettative, avevo alcune idee su cui lavorare, l'autore me e ha rafforzate, utile."
Riflettendo a freddo ulteriormente aggiungo che serve un capitolo, forse un libro intero dedicato alla formazione delle persone che, in un negozio per esempio, accolgono il cliente con lo smartphone in mano.
Fare e disegnare strategie dietro le quinte può sembrare abbastanza semplice, anche se bisogna continuamente cambiare, ma l'aspetto più difficile è la formazione da effettuare con le persone che sono "al fronte". Cambiare i loro modi di fare non è semplice, i tempi per fare formazione sono sempre molto ridotti, ma soprattutto la cultura del dato del cliente da raccogliere non è ancora ben sviluppata, perchè ancora non viene ben percepita. 
Su questo campo credo che tante aziende si giocheranno molto in futuro, non si può crescere senza far  crescere la cultura di tutti, i processi aziendali, all'epoca del marketing mobile, dipendono dalla condivisione di intenti.
Complimenti per il libro e anche per la collana Sushi di APogeo, a volte è più utile un libro veloce e snello che certi libri che vogliono trattare per forza troppi temi.



Posta un commento