12/04/13

Cerchiamo i non talenti

Finalmente qualche responsabile di personale lo ammette "ma perche non lo ammettiamo, non cerchiamo i talenti, non vogliamo persone ambiziose difficili da gestire, preferiamo persone con poche pretese, che sappiano eseguire bene senza fare troppe discussioni, che possiamo anche pagare poco."
Cosi, rinunciando a un po' di ipocrisia, un direttore del personale alla presentazione di un'indagine AlmaLaurea sui fabbisogni del personale.
E' lo specchio di un'Italia al ribasso, dove il genio non viene ricercato, ma tenuto volutamente alla larga, si preferisce la mediocrità', rinunciare al talento.
Possibile che siano così tante la aziende che oggi preferiscano rinunciare piuttosto che osare? Si dice che sia il lavoro il primo problema del paese, ma forse e' questione anche di cultura dell'investimento sulle risorse umane. Forse e' ora di incentivare qualche cambio di mentalita' e qualche prodotto in meno.
Affrontiamo il problema dove e' realmente.

Posta un commento