24/10/12

Uso errato dei social

Oggi ho l'imbarazzo della scelta, nel senso che tanti episodi della giornata lavorativa mi hanno colpito.

Da statistico mi piacerebbe esprimere la mia opinione anche sulla sentenza di primo grado che ha colpito gli esperti di terremoto, ma credo che dietro ci sia molto di più di quel che non sappiamo, non voglio davvero credere che una persona rischi il carcere per previsioni sbagliate (quando criminali scientifici non ci vanno!)

Oggi sulla pagina Facebook aziendale ho trovato un messaggio diretto con una richiesta, per me incredibile.
Era un dipendente di tempo fa che chiedeva di essere riassunto, o meglio chiedeva il modo migliore affinchè venisse presa in considerazione questa opportunità.

Come è possibile che si possa pensare che attraverso Facebook possa transitare una richiesta cosi importante? I rapporti diretti non esistono più? La forza di andare e chiedere direttamente non esiste più?
Sicuramente ha un valore diverso, come si fa a pensare che valga quanto chiederlo attraverso la pagina Facebook aziendale?

Rimango allibito dal potere di assuefazione che i social network hanno.
Cerchiamo di non esagerare...
Posta un commento