24/07/12

Groupon, internet, social o???

Leggo un bell'articolo sul blog Officina Turistica che mi ha fatto scoprire Daniele Vietri (@marlenek).
Incuriosito dal tweet "interessante analisi sulla reputazione online di un ristorante che si promuove con Groupon" sono andato a leggere.
Ho trovato un'intervista dettagliata al proprietario di un ristorante che fa le stesse considerazioni che stanno facendo tanti commercianti, piccoli e grandi. Il web mi rovina!
Mi rovina perchè per vendere on line, magari su Groupon, devo fare delle offerte pazze, lavoro solo in rimessa, certi clienti non fanno altro che criticare.
Sono anche io preoccupato da questi fenomeni perchè poi gli imprenditori fanno presto a decidere di non voler più investire (emblematica la risposta del risposta "è la prima e ultima volta su groupon") solo perchè non conoscono le potenzialità del mezzo.
E' sicuramente vero che in rete ci sono tanti e tali mezzi per fare mille confronti, scegliere l'occasione più ghiotta e approfittare di quella più accattivante.
Sono sempre più convinto che ancora gli imprenditori non abbiano compreso quanto siano diventati intelligenti i consumatori oggi o per lo meno che armi abbiano a disposizione prima di effettuare l'acquisto e ancora troppo poco siano le intelligenze a disposizione dei venditori, perchè solo pochi per esempio decidono di investire su piattaforme di analytics serie (sicuramente per l'alto costo) che però necessitano di investimento in capitale umano per capire al meglio come far fruttare tutte le potenzialità.
Ogni giorno siamo circondati da numeri, che a volte necessitano di tanto lavoro di analisi per far emergere qualcosa di interessante. Molte volte ci vuole tanto lavoro di impostazione per alla fine comprendere di avre settato tutto al punto giusto.
Ma le persone e i tempi dedicati a questi lavori sono sempre molto scarsi, l'analisi o è in tempo reale o non viene considerata. Da qui spesso l'esigenza di muoversi e andare in riunione con un pc pronto a dare risposte immediate e se non sai dove mettere le mani per tirar fuori i dati stai pur certo quell'analisi ripasserà dopo un bel po' di tempo.

Purtroppo come sottolinea quel ristoratore "Non ho tempo, devo mettere a tavola altri". Fortunatamente i clienti sono entrati, ma allora perchè ha voluto provare a Groupon? Forse prima non entravano? Non entravano quanti si vorrebbe? Cosa posso aspettarmi se faccio un'offerta su altri mezzi? Desidero incontrare un target nuovo o vorrei fare uno pseudo regalo ai miei clienti abituali?

Relativamente alle risposte che sottolineano l'aumento di nervosismo torna anche questo con altre riflessioni.
Però anche qui: dedicare il tempo alle risposte ti porta un ritorno? Interagire in continuazione ha un ritorno?
Su ebay per esempio conta solo quello. Perchè non pensare di dedicarsi all'interazione in modo più professionale e non solo occasionale.
Ci sono tante persone a spasso cui basterebbe insegnare a presentare il locale in un certo modo, si potrebbe interagire anche qui organizzando eventi in modo diverso, siamo sicuri che puntare sempre e solo sul prezzo sia la giusta arma?
Certo che si vuole provare in modo diverso bisogna dotarsi di idee diverse... altrimenti il gioco è semplice per tutti, solo prezzo senza nessuna differenziazione, ma quanti se lo possono permettere?
Sottocosto non si può lavorare...

Posta un commento