17/07/12

Equilibrio tra uso personale e professionale

Anche nel libro di Luca Conti "Comunicare con twitter" (acquistato per forza grazie a un'imperdibile offerta nel week end a 0,99 in e-book su amazon) trovo nell'intervista a Jeffrey Hayzlett, responsabile delle attività marketing di Kodak, riflessioni sull'uso degli account personali-professionali.
Non pensa possa esserci una divisione netta tra l'uso personale e quello professionale, meglio una mescolanza con accortezza e sempre pronti ad assumersi le proprie responsabilità.
Noto che purtroppo c'è ancora molta poca 'trasparenza' al riguardo, in fondo on line si può essere ugualmente l'espressione della propria personalità.
Questo e' almeno il mio proposito, la mia scommessa, mi piacerebbe che molti clienti-fornitori-colleghi-amici potessero con facilita' apprendere, da qualche post, le caratteristiche salienti della mia personalità affinché si possa con trasparenza interagire, avendo già recepito chi ci si trova di fronte. Idem mi piacerebbe fare con altri.
Utopia, lo riconosco, ma le scommesse mirano sempre alle grandi utopie.
Il libro e' avvincente soprattutto perché mi fa ripercorrere qualche concetto sperimentato sul campo.
Peccato che ora mi sono innamorato di google plus e twitter mi sembra così lontano.

Posta un commento