28/06/12

What matters now?


Ho terminato finalmente questo libro di Gary Hamel.
Se avessi un'azienda (un altro sogno?) sarebbe bello avere un budget tale da potermi permettere di avere Gary Hamel come consulente. So che costa molto, ma forse sarebbero soldi ben spesi.
Mi è piaciuto molto di questo libro, che consiglio a tutti quelli che hanno a cuore la durata nel tempo della propria azienda, i capitoli dedicati ai modelli di organizzazione aziendale.
Ce ne sono (in alcune aziende top) di quelli dove la struttura gerarchica classica a piramide non esiste e sono descritti dall'autore con belle interviste ai manager di queste aziende. Come avete fatto? Come è possibile realizzare...
Ci sono buoni spunti per provare a creare strutture simili anche nelle aziende italiane, se solo volessimo.
Questi concetti mi appassionano (cosi come l'autore)) perchè credo che certi modelli possano ridurre gli sprechi e rendere performance più brillanti.
Ogni giorno (non negatelo) ci lamentiamo di alcuni aspetti del nostro lavoro.
Da dove partiremmo per cambiarlo?

Sono sempre più convinto che l'organizzazione possa migliorare ancora tantissimo, apportando a competenze di buon livello quella classica marcia in più.

A mio avviso uno degli esercizi più belli che si possono fare in azienda è far organizzare le attività in modo diverso, magari da una persona che proviene da fuori e che possa individuare con mente fresca, non ottenebrata dal classico "si è sempre fatto cosi", nuovi spunti per elevare la performance.
Questo è un aspetto su cui noi aziende italiane possiamo migliorare.

Io partirei da un feroce obiettivo di rispettare i tempi di alcune attività, che non possono sempre ridursi all'ultimo minuto. La crisi sta acuendo questo aspetto, ma non per questo possiamo esimerci dal provare a lavorare con il rispetto di tempi diversi.
Come mi piacerebbe che Hamel entrasse nell'azienda più importante d'Italia (lo Stato) a dettare i tempi.
Leggere che c'è chi si sente alla catena di montaggio in parlamento e ha bisogno di ferie è davvero triste e aberrante. Chissà perchè però non si dimettono...
Posta un commento