04/11/11

Alto valore aggiunto

Quanto è potente la comunicazione? Quanto sono evocativi certi termini? Quanto piacciono determinati termini?
Stamattina ascoltavo alla radio la presentazione di un nuovo negozio in centro a Bologna, "un monomarca Dodo". Il giornalista si congratulava per l'iniziativa perchè in tempi di crisi aprire non è facile, l'intervistato rispondeva che l'azienda ha oltre 100 anni di storia e che ha sempre investito.
Ha affermato che la corsa all'oro dell'ultimo periodo non accennerà a fermarsi per cui per l'azienda questo trend rappresenta una buona base (i prodotti non perderanno valore) anche se poi i prodotti che propongono sono ad alto valore aggiunto rispetto al semplice oro.

Ecco mi ha colpito il termine "ad alto valore aggiunto". Quante volte ormai si pronuncia ad alto valore aggiunto? Mi chiedo dove sia il valore aggiunto nel gioiello, magari lavorato anche in maniera personalizzata, però io non ci vedo un uso corretto del valore aggiunto...
Sottigliezze lo so, ma quanto è divertente notare le sottigliezze?

Speriamo che il titolare non ne abbia a male, alla fine anche questa è una piccola recensione del nuovo store che comuqne mi ha incuriosito...
Posta un commento