13/05/16

User test ai tempi del mind mapping


Con grandissima soddisfazione giungo al termine di questa settimana, che all'inizio vedevo particolarmente critica.
Trattavasi di una settimana decisiva a un prossimo rilascio, da effettuarsi sia sul web, sia su app.
Tante le funzionalità da controllare e da verificare, con modalità diverse di fruizione a seconda delle piattaforme e dei device.
I colleghi IT sono molto rigorosi e hanno i loro strumenti per censire ogni difetto o ogni modifica che viene loro richiesta (defect o project change request se vogliamo utilizzare il loro gergo) a cui ci dobbiamo naturalmente adeguare.

Con la mia squadra mi trovavo di fronte al problema di dover condividere tante informazioni prima e durante il test, a tante scelte da effettuare su come approfondire un tema piuttosto che un altro, a come tenere sotto controllo le evoluzioni dell'UAT, ovvero il famigerato user acceptance test.
Naturalmente il tutto portando avanti la quotidianità, ognuno con le sue riunioni, presentazioni, progetti, esigenze, fisicità, ecc...
Insomma sentivo l'esigenza di dovermi dotare di una mappa che mi fornisse sempre la situazione in tempo reale e ci liberasse da ogni tipo di vincolo.
Appena vi era una finestra temporale libera ognuno doveva poter testare senza dover per forza aggiornarsi su quanto era accaduto o quanto avevano già fatto gli altri.
In tempo reale si doveva per forza avere la situazione di zone rosse (allarmi, urgenze a sistemare), zone arancioni (situazioni da raffinare), zone verdi (funzionalità da ritenere ok).
Chi mi legge sa la mia passione per il software di Buzan, imindmap, ma condividerlo con chi non lo possiede risultava un po' brigoso.
Una sera ne discuto con il mio tutor di fluentify.com, Anthony di New York, una marcia in più su tanti argomenti, che mi sussurra, perchè non provi mindmup.com?

Lo studio e ... non ci posso credere, è gratis, embeddato in google drive, con le stesse regole dei moduli e dei permessi degli account google, un lunedi mattina arrivo dai miei e in nemmeno 30' spiego la mia idea.
Questi si fidano a tal punto da venirmi dietro e adottarlo in men che non si dica.
Per tutta la settimana lo facciamo nostro e senza impazzire in mille email, documenti da leggere, etc.. etc... accendiamo rossi, arancioni, verdi a raffica (io divertendomi un sacco, loro, forse, dandomi del matto!)
Sarò sincero; questa settimana ho adorato la mia squadra, che mi ha assecondato, abbiamo affinato un metodo e un'intesa al di là dello strumento e in più il test è andato quasi bene (ma diciamolo piano che non porti sfortuna).

Ovviamente ve lo consiglio... magari un giorno vi registro un video sull'argomento!
Buon week end a tutti, soprattutto a chi crede nel valore della costruzione di una grande squadra!


Posta un commento