13/03/15

I furti in casa ai tempi dei big data


Davvero brutto lavorare fino a tardi, impegnarsi a fondo per fare il proprio dovere, tornare a casa e trovarsi la casa aperta con la serratura scassinata e le cose sottosopra.
Anche il governo se ne e' accorto e inasprisce le pene, perche' c'è un dato da cambiare assolutamente: un furto ogni 2  minuti!
Oltre alla rabbia che ti rimane dentro per il senso di impotenza, ti chiedi cosa fa davvero la tua città, il tuo sindaco per te che lo paghi con le tue tasse.
Non mi piace che il mio stesso senso di impotenza ce l'abbiano le forze dell'ordine. Sono venuti subito a raccogliere la denuncia (scritta a mano), ma non hanno fatto altro che dire "purtroppo e' uno tra tanti..."
Gli amici solidali non hanno fatto altro che dirmi di altri amici colpiti.
La domanda e': cosa facciamo per rendere più sicure le nostre case, le nostre vite? Oltre a mantenere persone che vengono a derubarci cosa state pensando realmente di fare cari amministratori delle nostre città?
Vorrei una risposta e non un allargamento di braccia.
Possibile che nel sito del comune non ci sia una mappa dei furti x via? Un numero in tempo reale dei furti settimanali? Un grafico da condividere? Ecco un contenuto social che mi aspetterei di veder condividere per sensibilizzare su un problema che ormai e' una piaga.
Alzi la mano chi non ha almeno un furto subito tra gli amici.
Possibile che tocchi a un singolo negoziante sensibilizzare la comunità pubblicando un'intera pagina di giornale???


Posta un commento