21/09/12

Esperienza entusiasmante in hangout


Ieri sera ho diretto il mio primo hangout professionale. E' stata un'esperienza elettrizzante perché ho potuto toccare con mano tutte le potenzialità di questo strumento che può davvero rivoluzionare il modo di rapportarsi con i clienti.
Condivido con i lettori del blog questo esperimento.
Un fornitore aveva un prodotto da lanciare, un prodotto di aspirazione che lava, aspira e asciuga, tutto in un unico prodotto.
Sono stato coinvolto nelle attività di comunicazione on line e oltre ai classici spazi da riservare sul sito (spazi che ti fanno trovare chirurgicamente il prodotto ogni volta che cerchi un prodotto simile), mi sono inventato alcune azioni social.
Punti fedeltà in cambio di condivisioni, coupon scaricabili dal sito e dai social per avere un prezzo speciale. Tutto questo ha portato attenzione sul prodotto e ordini nei negozi del prodotto.
Ma a me non bastava... Volevo d più e quindi ... Ecco l'organizzazione di un hangout in cui ho fatto da moderatore coinvolgendo un collega esperto del prodotto da un negozio e una persona esperta training del fornitore.
Ho utilizzato gli eventi di google plus e invitato alcuni clienti. (ho commesso pero' un errore nella scelta dell'evento di tipo pubblico di cui vi diro' successivamente).
Il giorno prima ho effettuato una prova generale simulando i tempi della conversazione e la qualità delle attrezzature. E' stato utile per migliorare la qualità video e audio e affrontare la diretta preparati (molti hangout cui ho partecipato hanno problemi di vario tipo).
Puntualissimi abbiamo dato il via alla nostra trasmissione. Subito sono entrati anche alcuni clienti (timidi o non attrezzati perché comparivano solo con la foto).
La nostra presentazione del prodotto e' filata via benissimo, grazie alla brillantezza dei 2 interlocutori che hanno sostenuto la conversazione con ricchezza di particolari utili a chi volesse saperne di più sul prodotto. Soddisfazione al cubo quando nel nostro hangout si e' materializzata una coppia di anziani (ma internet non e' solo fatta da chi chiatta ???) che per problemi di microfono non e' pero' riuscita a fare una domanda.
L'errore dell'evento di tipo pubblico non ci ha consentito di registrare l'hangout su youtube (uno dei miei obiettivi, per poi ritrasmettere il video), avevo la possibilità di aprire un hangout per registrare ma avrebbe generato un collegamento diretto diverso dall'evento (questo aspetto google lo può migliorare), ma la registrazione l'abbiamo ugualmente avendo registrato il desktop.
Conclusioni: questo strumento offre la possibilità del dialogo VERO con i nostri clienti, nessun filtro, nessuna agenzia che segue al tuo posto per te, nessuna comunicazione a una via, di tipo top down, ma interazione vera, mettendoci la faccia. Ecco, il concetto che vorrei esprimere e' proprio quello che oggi serve avere chi ha il coraggio di metterci la faccia.
I clienti vogliono trasparenza, chiarezza, affidabilità, dialogo. Questo strumento offre un oceano blu (leggete il famoso libro) da cogliere, ma servono coraggio (per metterci la faccia e non stare sempre trincerati dietro email, pseudonimi, agenzie, etc...) e professionalità.
Chi ha queste 2 doti può avere importanti soddisfazioni.
Le mie sono quelle di aver sentito colleghi e fornitori entusiasti di essere stati trascinati in questa novità, entrambi hanno suggerito di estendere l'esperimento ad altri settori e prodotti.
Ps: ma Google si accorgerà che sono uno dei suoi testimonial in Italia??? L'agendina mi sta stretta, ci sto mettendo la faccia per loro...

Posta un commento