02/02/12

Paralisi a Bologna

Non c'è da stare allegri, qui a Bologna sembra di essere precipitati in un inferno di ghiaccio. Tutto è cristalizzato, per 2 giorni è nevicato senza sosta, chiuse scuole e aeroporti, oggi tregua, ma domani è prevista ancora neve. Assurdo vedere pattuglie della polizia che devono stazionare davanti ai caselli per bloccare i camion che vogliono andare in autostrada. Purtroppo non si sa come muoversi, non si sa se è meglio provare ad andare a lavorare o stare in casa. In ufficio c'è sempre da fare, ma il senso di vuoto che ci avvolge è terribile. Anche il più irriducibile degli ottimisti si fa prendere dallo sconforto, forse la natura ci richiama all'ordine mandandoci un messaggio inequivocabile "attento uomo, sei piccolo, tremendamente piccolo e posso piegarti quando voglio".

Io mi considero parte degli irriducibili, mi sono dotato di pala, ho spalato la neve fresca attorno all'auto e ho liberato le macchine, sono andato in ufficio e ho cercato di chiudere in tutte le maniere un progetto che vede coinvolti altri fornitori che da mesi mi stanno ritardando la consegna. ci mancava anche la neve... Lunedi chiudiamo finalmente e andiamo on line, non mi sembra vero... dita incrociate!
Posta un commento