20/07/11

Vodafone risponde

Prosegue dal post di ieri. Dopo le mie telefonate con il 190 mi arriva un sms che mi chiede di giudicare la mia esperienza con il servizio clienti del 190. Consiglieresti Vodafone a parenti ed amici? Rispondi con un voto da 0 a 9. Immediata la mia risposta:"0".
Dopo poche ore mi richiama il 190 "Possiamo chiederle come mai 0?" Certo, ascolti le mie ultime avventure con voi e si metta nei miei panni. "Grazie per il tempo dedicato, riferirò a chi di dovere..."

Mi chiedo perchè si mettano in piedi determinati processi fatti apposta solo per scontentare i clienti. Capisco che bisogna vendere e fare delle attivazioni, ma che senso ha dare a qualcuno i tuoi migliori clienti per farli indispettire cosi???
Una volta Vodafone, anzi Ominitel, aveva un'altra filosofia, era entusiasmante per i suoi clienti, ora è diventata come altri, dove il servizio è scadente. Che faranno per recuperare la propria immagine? Possibile che, in generale, la maggior parte delle persone lavorino tutte con ottiche di breve periodo?
Possibile che non si abbia più la lungimiranza di seminare per raccogliere?
Per forza poi il costo del lavoro aumenta... Pensando solo a questi casi ho pensato con 5 persone diverse della stessa azienda, 5 mi hanno dato versioni diverse, anche la persona di stamattina "Ah dalle note scritte qui non emergeva tutto il suo disagio..."

Ieri a pranzo assistivo a una concitata discussione di lavoro sulle regole strampalate in atto nel crm di un'azienda... tutti a sciacquarsi la bocca con questo crm... alla fine servirebbe solo un minimo di buonsenso e un po' di visione chiara, quella che sembra mancare a tanti che si trovano in posti privilegiati.
A me sarebbe sempre piaciuto cimentarmi nel crm di una compagnia telefonica... cosi come quello di una banca...
Posta un commento