14/07/11

Groupon target

In questi giorni ho dedicato un po' di attenzione a Groupon. Naturalmente è uno dei fenomeni della rete. La domanda per un commerciante potrebbe essere: "Vado su Groupon? Lancio un'offerta bomba per farmi conoscere e attirare nuovi clienti?"
La risposta potrebbe essere "Si, se sei un piccolo commerciante, se non ti puoi permettere di avere un tuo sito, si se hai una struttura con costi fissi (un ristorante, un hotel etc...) che presenta dei vuoti da riempire, stile Ryan Air per intendersi, si se vuoi farti conoscere perchè hai appena aperto...", ma ... attenzione... potrebbe rivelarsi un boomerang perchè il target creato da Groupon è un target fatto di persone che ora acquistano e consumano solo quando hanno di nuovo quell'offerta o simile.

La conferma mi arriva da un amico che ogni giorno è a contatto con attività commerciali per vendere pubblicità, le risposte cominciano a essere sempre quelle "Io l'ho provato Groupon, bello perchè ti porta un sacco di clienti, su cui però non guadagni nulla sperando che qualcuno si fidelizzi, ma non ce ne è uno che si fidelizza, o mi richiedono lo stesso prezzo di Groupon oppure aspettano un'altra offerta Groupon. In più ho il ritorno negativo dei clienti normali, che sanno di aver pagato di più e avere lo stesso trattamento."

Come dice quel tale, stiamo creando dei target che acquistano solo dietro la spinta di incentivi. Certo che l'altra controdomanda o risposta sarebbe: "Già, ma acquisterebbero senza questa droga di sconti?" C'è gente che probabilmente non acquisterebbe e che infatti poi puntualmente si dimentica di usufruire del voucher... denaro incassato per prestazioni mai erogate... che mondo complicato abbiamo costruito...
Posta un commento