23/07/11

6 mesi valgono una scelta?

In questi giorni sto osservando le offerte delle compagnie telefoniche.
Ascoltare un'offerta di un call center o leggere un manualetto di offerte è diventata quasi un'impresa. Credo la tecnica di marketing utilizzata sia "confondere per catturare".
Forse si fa molta leva sull'ignoranza dei consumatori, ma non comprendo davvero come possa essere ritenuta vantaggiosa un'offerta (su adsl o cellulare) che comporti sempre i primi 6 mesi a un prezzo e il restante a un altro. Addirittura ora ci sono le offerte per "navigazione veloce" fino a un certo consumo e poi a "lentezza garantita".
Tutte le compagnie ormai si appiattiscono verso queste offerte cercando poi con i telefoni o i device di catturare i clienti ad un vincolo di lungo periodo. Forse perchè sanno già che ormai come in altre parti del mondo hanno i mesi contati, perchè il wifi dovrà prendere piede sempre di più. In altri paesi si paga solo per il traffico dati, qui ancora parliamo di scatto alla risposta...

Certo sembra facile parlare da qui, da consumatore, ma se fossi un responsabile marketing diuna compagnia telefonica cosa farei? Sicuramente andrei sull'offerta chiara, precisa di lungo periodo, perchè i clienti non hanno tanto voglia di cambiare gestore, hanno solo voglia di avere un bel servizio a costi contenuti. Peccato che qui si ragioni solo con la logica di strappare clienti alla concorrenza o di farne di nuovi, molto poco nella soddisfazione e nel mantenimento del proprio parco clienti.

Forse perchè si investe poco sulle analisi dei clienti? Anche questa mi sembra un'ipotesi molto probabile... Raramente ricevo offerte relative al mio comportamento d'acquisto... quanto margine c'è ancora cari marketing manager??!??!

Per rispondere al titolo, 6 mesi al 50% per poi pagare uno sproposito il servizio non valgono un cambio!
Posta un commento