04/03/15

Il cantastorie di Van Gogh


Ieri ho avuto la fortuna di essere estratto per un evento organizzato dalla mia azienda: una serata dedicata alla mostra di Van Gogh a Milano, Palazzo Reale.
La fortuna di partecipare a questo evento consiste nell'avere a disposizione una guida dedicata a un piccolo gruppo di persone, a mostra chiusa al pubblico.
Questo ti permette di godere di una visione più piacevole dei quadri dell'immenso Van Gogh, ma anche di ascoltare una guida che mai come in questi casi può essere definito cantastorie.
Non ha fatto altro che sciorinare particolari della vita del pittore con una ricchezza e una proprietà di linguaggio davvero ammaliante.
La passione che ha caratterizzato i suoi racconti mi ha davvero colpito.
E' grazie a persone come lui che il paese può puntare su una cultura che può attrarre, visti i numerosi capolavori presenti in Italia, turisti da ogni parte del mondo.
Con molto pudore ha mostrato lo shop a fine mostra, un male necessario per permettere queste mostre.
Che bravo questo cantastorie!
Posta un commento