14/08/13

Fineco ascolta anche i clienti contrari a #moneymap?


Scrivo nuovamente su Fineco e il nuovo servizio #Moneymap perchè vedo altri clienti interessati alle prese con i miei stessi dubbi.
In questi giorni più di un cliente ha letto il mio post, più di qualcuno mi ha scritto per commentare.
C'è chi ha scritto che proverà il servizio dicendo che in ogni caso "Fineco ci ha abituato troppo bene!"
Cosa significa?
Fineco in questi anni ha cavalcato un grande vuoto lasciato da tutte le altre banche, ovvero ha sviluppato servizi ragionando da cliente, ha eliminato balzelli (il costo di prelievo dal bancomat, il costo per effettuare un bonifico, il costo di una carta di credito) puntando sul target di clienti che non vogliono pagare per cose che possono fare da soli.
Hanno sviluppato piattaforme per il trading eccezionali (forse ne esistono di migliori, ma leggendo il numero di transazioni che avvengono su Fineco direi che hanno preso un target che tutte le altre banche hanno lasciato andare senza accorgersi). Hanno sviluppato tanta consulenza e effettuato tanta formazione (molta gratuita con sorpresa).
Cavalcano l'era del multipiattaforma e continuano a essere 10 anni avanti rispetto a banche che hanno siti inaffrontabili, non parliamo quindi nemmeno di servizi per la mobilità.
Più che abituato bene direi quindi mi ha soddisfatto alla grandissima come tante volte ho dichiarato.

C'è chi mi ha scritto che Fineco ha perso un'occasione. Verissimo e la perde perchè cosi facendo insinua il dubbio nei clienti che la banca stia cambiando registro (da quando è stata Unicreditizzata che si teme un ritorno a vecchi modi di fare banca.) Questo è il secondo indizio. Il primo indizio è già stato il taglio degli interessi sul cash park (una volta certi prodotti erano alle migliori condizioni del mercato, ora non è assolutamente tra i migliori).

C'è chi mi ha scritto che è accattonaggio. Io credo che si tratti semplicemente di una scelta sbagliata o forse di puntare sulla pigrizia di molti clienti. Però davvero pensare che io voglia pagare per ricevere un alert su un tetto di spesa raggiunto o su avere un contenitore dove inserire le mie spese e magari vederle su una bella mappa in google, mi sembra di essere considerato un po' come un cliente poco intelligente e questo non mi fa mai molto felice.

C'è chi ha scritto che retwittano solo i messaggi positivi e non danno ovviamente risalto ai messaggi negativi.
Io credo che abbiano lanciato il nuovo servizio apposta in agosto, dove forse ci può essere meno rumore negativo cosi hanno il tempo di varare eventuali contromosse. Mi hanno retwittato varie volte in passato, per cui sono certo che mi abbiano letto anche questa volta e forse stiano riflettendo.
In fondo hanno 2 scelte: considerarmi un semplice cliente cui non piace o non aderisce a un loro servizio (e non è che aderisco a tutti i loro splendidi servizi), oppure accendere un piccolo campanello d'allarme della serie: "siamo proprio sicuri di aver fatto bene a scegliere come servizio a pagamento questo #moneymap?"

Non voglio certo imporre il mio punto di vista, ma offrire uno spunto. Sono certo che in Fineco alcuni apprezzino il mio modo di pormi. Magari, lo ripeto, tante aziende fossero come Fineco dove il cliente è al centro.
A volte ci si può anche sbagliare, l'importante è non cambiare registro, perchè aver abituato bene i clienti impone di mantenere uno standard elevato.
In bocca al lupo Fineco!



Posta un commento